by

10 Cose che imparerai viaggiando da solo.

1.Tornerai sempre a casa con un sacco di nuovi amici

Mai notato che è molto più facile chiedere direzioni ad una singola persona piuttosto che  chiedere ad un gruppo di persone? I solitari sono più accessibili, chiari e semplici. I Viaggiatori solitari imparano che i benefici di questo sono duplici: non solo gli altri viaggiatori si sentiranno molto più comodi nel presentarsi a voi, ma in realtà è più facile per voi fare colpo in una conversazione con altre persone.

2. È possibile interagire con la gente del posto a un livello che solo chi viaggia da solo può capire

Lo sai che la gente locale è più aperta, e sicuramente più curiosa, quando è una sola persona a camminare in quel caffè minuscolo, o ad assaggiare i sapori pungenti di quella bancarella di cibo lungo la strada. Da una conversazione sincera su un treno sgangherato, ad avere improvvisamente una rete di famiglie multietniche felici di ospitarvi per una notte, si sa nessuna di queste incredibili esperienze sarebbe stata possibile se foste stati in viaggio con degli altri.

3. Sei libero esplorare quando e come ti pare, e ci si sente invincibili

Non c’è bisogno di compromessi quando si viaggia da soli. Non c’è bisogno di placare lo spiacevole desiderio di un amico per un hamburger e patatine fritte troppo costosi, o le loro lamentele incessanti circa le punture di zanzara in una giungla. Da viandante solitario si viaggia dove si vuole, quando e per quanto si vuole – il tutto con un grado liberatorio non indifferente.

4. Si guadagna una profonda conoscenza delle destinazioni che visitate

Viaggiando da solo, sei più immerso nell’ambiente che ti circonda.  Si notano le peculiarità uniche, e il carattere sottile che rende veramente un posto quello che è. Quando camminate per la stessa via chiacchierando con un vecchio amico, la vostra mente è spesso immersa altrove.

5. C’è qualcosa di liberatorio in un viaggio in un luogo dove nessuno ti conosce

Per alcuni, viaggiare da soli è come un nuovo inizio. O una fuga temporanea dalla vita frenetica che si è costretti a portarsi dietro a casa. Questo non vuol dire che sei una persona diversa quando sei all’estero, ma si può notare quanto quel anonimato terapeutico ci abbia cambiato.

6. Il Tempo da soli è sano e raramente ne abbiamo abbastanza.

Il tempo trascorso da soli e scollegati dal resto del mondo ci costringe a riflettere realmente sulla nostra vita a casa, le nostre esperienze recenti sulla strada e tutto ciò che abbiamo fatto o detto. Alcuni di questi pensieri non sono sempre piacevoli da affrontare, ma chi viaggia da solo sa che anche se la solitudine è una lotta, a volte siamo più forti a causa di essa.

7. La Distanza ti fa apprezzare le persone importanti nella tua vita

La Distanza ti fa apprezzare le persone che contano di più nella tua vita una volta tornato a casa. Specialmente quelli che hai sempre dato per scontati. Lontani e soli, ci si prepara per sfruttare al meglio ogni secondo con i propri cari una volta tornati a casa.

8. La Distanza ti insegna che alcune persone che si pensava fossero importanti, in realtà non lo sono

La stessa distanza può anche farti rendere conto che alcune persone nella tua vita non sono così importanti come pensavi che fossero. Che si stia parlando di una cattiva influenza, un amore tossico o un amico opportunista, non è sempre una realizzazione di benvenuto. Ma di solito è per il meglio.

9. Quando si è da soli si è più creativi

Che si tratti di scrivere un diario, disegnare, filosofeggiare o di pianificare futuri sforzi imprenditoriali, chi viaggia da solo di solito è costretti a trovare nuovi modi espressivi per divertirsi quando non c’è conversazione (o Wi-Fi). Si potrebbe avere inciampare sulla propria vocazione.

10. A volte è divertente fingere di essere l’unico turista in tutto il mondo

Non è in realtà quello che ogni viaggiatore sogna di nascosto? Arrivare là dove nessuno è mai giunto prima?

Ma cerchiamo di essere onesti per un secondo: molto raramente siamo abbastanza intrepidi o avventurosi come vorremmo immaginare noi stessi. Comunque, quando sei l’unico turista su quel bus verso il nulla, c’è una fantasia emozionante che aleggia nella vostra mente quando si guarda un nuovo mondo che passa dal finestrino – e chi viaggia da solo sa che questa sensazione è coinvolgente, e rimane con te per il resto della tua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *